Archivio Vescovile

Statuto della Curia Diocesana rinnovato secondo le indicazioni del Sinodo
Art.9 Il Cancelliere, la Segreteria Generale e l’Archivio
§3. Nella gestione dell’Archivio corrente, il Cancelliere è coadiuvato da un Conservatore nominato dall’Arcivescovo. Dei documenti dell’Archivio si compili un inventario o un catalogo con un breve riassunto delle singole scritture (cfr. can. 486 § 3). Non è lecito asportare documenti dall’Archivio, se non per breve tempo soltanto e con il consenso dell’Arcivescovo.
§4. Soltanto all’Arcivescovo compete la responsabilità e la custodia dell’Archivio segreto previsto ai cann. 489-490, nel quale, in ogni caso, devono essere depositati gli atti compiuti a norma dei cann. 1082, 1113, 1339 § 3 e 1719.
§5. L’Archivio storico, previsto al can. 491 §2, è affidato alla responsabilità e alla custodia dell’Archivista, ed è regolato dalle disposizioni della Sede Apostolica e del diritto particolare diocesano.