Archivi della categoria: Notizie

Incontro con i giornalisti per san Francesco di Sales

La stampa sia al servizio dell’annuncio, presidio nella ricerca della verità e mezzo per incontrare storie di vita

Il grazie del vescovo Andrea agli operatori della comunicazione e dell’informazione e l’augurio per san Francesco di Sales loro patrono

 

Il vescovo Andrea Migliavacca ha incontrato gli operatori dell’informazione e della comunicazione in occasione della memoria liturgica di san Francesco di Sales, loro patrono. Un’occasione di incontro e conoscenza in spirito di fraternità, a due mesi dall’ingresso in diocesi, ma anche di riflessione su un mondo, quello della comunicazione e dell’informazione, in costante cambiamento. “Innanzi tutto voglio rivolgervi il mio grazie. Ho notato cordialità fin dal giorno del mio ingresso in diocesi e lo stesso è avvenuto anche a Cortona e Sansepolcro –  ha detto il vescovo Andrea -. Il vostro lavoro mi ha aiutato e mi sta aiutando a inserirmi nella diocesi e nella vita della gente. Grazie ancora di cuore. E grazie anche ai mezzi di informazione diocesani che con professionalità hanno raccontato questi primi due mesi attraverso l’emittente Tsd, il settimanale Toscana Oggi e l’Ufficio stampa”.

Il vescovo Andrea si è poi soffermato sul messaggio di papa Francesco diffuso in occasione della memoria liturgica di san Francesco di Sales sottolineando tre aspetti: “Dobbiamo cogliere il ruolo della stampa come servizio all’annuncio. Questo vuol dire fare cronaca, ma anche approfondimento, suscitando, su carta, web, video, radio, foto, riflessione e attenzioni importanti per il territorio e per il mondo. Questo può aiutarci a essere vivi, partecipi e attivi: essere cittadini. La stampa, in tutte le sue forme, è essenziale, un patrimonio, uno dei pilastri della democrazia. Quando la stampa è libera nell’annuncio, informazione e denuncia di ciò che non va, va promossa in tutti i modi”. Poi mons. Migliavacca ha evidenziato come “Il Papa sottolinea che la stampa deve presentare ciò che è vero, la verità, aiutando a smascherare le fake news. Il Servizio alla verità chiede attenzione alla qualità”. Infine il Vescovo ha notato come “Il Papa sottolinea che il servizio della stampa è anche quello di raccontare storie di vita. La notizia infatti si collega all’incontro, raccontando volti, presenze e vitalità del territorio”.

Il vescovo Andrea ha poi voluto condividere l’augurio ai presenti affinché la professione, nonostante la precarietà di molti, possa essere svolta “con soddisfazione”: “Che il vostro servizio ci aiuti a cogliere la bellezza di questo territorio, ma che possa anche tenerci svegli sulle emergenze che lo abitano e che richiedono soluzioni, con uno stile schietto e di dialogo sincero, nella consapevolezza di lavorare tutti per il bene comune”.

Nell’occasione, il vicario generale della diocesi, don Fabrizio Vantini, ha anche illustrato il programma della Novena della Madonna del Conforto, caratterizzata quest’anno dalla presenza costante, nelle Messe di ciascun giorno alle 18, del vescovo Andrea. Una richiesta “venuta dai preti”, ha sottolineato mons. Migliavacca “in modo da configurare la Novena stessa, come una sorta di cammino di esercizi spirituali, garantendo continuità nella predicazione in tutti e nove i giorni che precedono la grande festa del 15 febbraio”. Il giorno della solennità della Madonna del Conforto, la messa pontificale delle 10.30 sarà presieduta dal cardinale Augusto Paolo Lojudice.

Rispondendo alle domande dei presenti il vescovo Andrea ha più volte confessato del suo “Stupore nel cogliere la bellezza di Arezzo e di tutto il territorio che non conoscevo. Colgo lo stupore della cordialità, accoglienza e calore delle persone. Ma colgo anche una storia ricca di tradizione sia storica che di realtà aggregative, con la vitalità anche dei quartieri della Giostra del Saracino”, insomma il Vescovo si sta “trovando bene”. Poi ha ammesso la propria passione per la neve e così ha raccontato di aver “convinto il Vicario a sospendere alcuni incontri per poter vedere La Verna con la neve”. E quando gli chiedono quali siano i difetti degli aretini risponde sorridendo: “Non per piaggeria, ma
per ora non ne vedo. Magari l’anno prossimo ne riparliamo”, in ogni caso il Presule ha sottolineato di aver colto “schiettezza nella cordialità” e di vedere molta gente che sorride, che ha piacere di salutare e conoscersi. Tutti tratti colti anche in momenti informali, magari mentre sta mangiando un panino al bar o incontrando gente per strada, o come quando, da un piccolo equivoco con una mamma, ne è nata una visita improvvista alla scuola Aliotti.

Rispondendo alle domande dei presenti che chiedevano i problemi più urgenti a cui trovare risposte, il vescovo Andrea ha evocato l’immagine della consolazione. “In questo territorio così vasto, dove sono ben presenti disgregazione e individualismo, con tangibili difficoltà economiche e una distribuzione dei preti e delle parrocchie sul territorio che nel tempo non potrà più essere come in passato, viene richiesta l’arte della consolazione. Non un atteggiamento passivo, ma l’essere vicini per aprire strade, promuovere, ripresentare la speranza a chi è nella difficoltà. Su tutto sono due le emergenze: quella ambientale e climatica e la pace. Sul primo punto, che già oggi ha ricadute sul territorio e sulla vita di tutti, non possiamo non prendere atto che i giovani sono molto più avanti. Dobbiamo costruire comunità energetiche, lasciare le fonti fossili: questo non può non riguardarci come Chiesa. Sul tema della pace, come Chiesa, dobbiamo far sentire la nostra voce. A volte essendo pronti anche al compromesso, altre invocando la giustizia, seguendo l’esempio dei Papi”.

Madonna del Conforto 2023

Il programma della Novena e della Festa della Madonna del Conforto con tutte le celebrazioni previste.

Iniziative Caritas

La Caritas ha redatto e messo in programma, per coinvolgere il mondo giovanile, alcune attività e proposte esperienziali di servizio al prossimo.

Si ricorda che la Caritas propone ai giovani dai 18 ai 28 anni l’anno di servizio civile universale. Per candidarsi c’è tempo fino al 10 febbraio. In allegato il depliant con tutte le informazioni.

Giornata della Vita Consacrata

Domenica 29 gennaio, alle ore 16:30, presso la cappella della Madonna del Conforto , il Vescovo Andrea celebrerà la Giornata della Vita Consacrata. L’appuntamento è per le ore 15:00 al Seminario Vescovile di Arezzo dove il Vescovo condurrà una sua riflessione prima di procedere in Cattedrale per la celebrazione dei Secondi Vespri.

Beato Gregorio

Il vescovo Andrea presiederà l’Eucaristia nella Chiesa Cattedrale, in occasione della Festa del Beato Gregorio, lunedì 9 gennaio alle ore 18:00, vigilia liturgica. Sabato 14 alle ore 19.15 parteciperà all’Offerta dei Ceri.

Messa in suffragio di Benedetto XVI

Venerdì 13 gennaio, alle ore 18, il Vescovo Andrea celebrerà in Cattedrale una Messa in suffragio del Papa Emerito Benedetto XVI.
La celebrazione sarà trasmessa in diretta da TSD sul canale 85 e potrà essere seguita anche in streaming sul sito internet www.tsdtv.it/live.

Incontro dei cori liturgici con Mons. Marco Frisina

Sabato 7 gennaio 2023, presso la Chiesa di S.Maria della Pieve in Arezzo, Mons. Marco Frisina incontrerà i cori liturgici nel programma che segue:

15:30 – 17:30 Formazione sul canto liturgico

19:00 Concerto dei cori riuniti e orchestra “La via della pace”

Benedetto XVI è tornato alla Casa del Padre

Benedetto XVI è tornato alla Casa del Padre oggi alle ore 9:34, nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano. Il Papa emerito aveva 95 anni. Dopo l’improvviso “aggravamento dovuto all’avanzare dell’età” nella notte tra martedì e mercoledì, Papa Francesco aveva chiesto ai fedeli “una preghiera speciale per il Papa emerito Benedetto che nel silenzio sta sostenendo la Chiesa”. Un invito subito raccolto anche dal vescovo Andrea Migliavacca, che aveva invitato “le chiese di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e di San Miniato a unirsi alla preghiera di tutta la Chiesa in Italia per il Papa emerito, accompagnandolo e sostenendolo in questo momento della sua vita”.
“Stasera – ha dichiarato il vescovo Andrea – ricorderò la sua figura di grande Pastore della Chiesa universale durante la S. Messa che celebreremo in Cattedrale alle ore 18. Il nostro Te Deum, il grande inno di ringraziamento al Signore che intoneremo alla fine della celebrazione assumerà questa sera un significato ancora più particolare: sarà uno speciale ringraziamento al Signore per il dono che ha fatto alla Chiesa e al mondo di un grande Pastore e di un grande Pontefice”. La celebrazione eucaristica potrà essere seguita in diretta in tv su Telesandomenico in tutta la Toscana sul canale 85 e in streaming sul sito internet www.tsdtv.it/live. Il Vescovo Andrea, inoltre, invita i parroci al suono delle campane a morto in tutte le parrocchie nella giornata di oggi e al ricordo nella preghiera del Papa emerito nella S. Messa di questa sera.

La Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro è particolarmente legata a Papa Benedetto XVI il quale il 13 maggio 2012 venne in visita pastorale ad Arezzo e a Sansepolcro, e celebrò la Messa al Parco “Il Prato”. “Le parole pronunciate da Benedetto XVI nella sua omelia – ricorda il Vescovo Andrea – sono per noi un prezioso lascito. Il Papa Benedetto richiamo la nostra comunità diocesana a promuovere la vita cristiana”. Il Papa durante l’omelia sottolineò: “Oggi mi accoglie un’antica Chiesa, esperta di relazioni e benemerita per l’impegno nei secoli di costruire la città dell’uomo a immagine della Città di Dio. In terra di Toscana, la comunità aretina si è infatti distinta molte volte nella storia per il senso di libertà e la capacità di dialogo tra componenti sociali diverse. Venendo per la prima volta fra di voi, il mio augurio è che la Città sappia sempre far fruttificare questa preziosa eredità. […] La Città di Arezzo riassume, nella sua storia plurimillenaria, espressioni significative di culture e di valori. Tra i tesori della vostra tradizione, c’è la fierezza di un’identità cristiana, testimoniata da tanti segni e da devozioni radicate, come quella per la Madonna del Conforto”.